• Home |
  • Generatori di vapore e trattamento dell’acqua

Generatori di vapore e trattamento dell’acqua

  • 14 Settembre 2015

E’ cosa nota che quando l’acqua supera la temperatura di 100 °C, oltre alla durezza temporanea (o carbonatica) precipita anche la durezza permanente (non carbonatica), ovvero ci si trova nella condizione in cui la formazione di incrostazioni è al suo massimo e lo sviluppo di anidride carbonica diventa causa di corrosioni.

Il controllo della qualità dell’acqua in alimento ai produttori di vapore diventa quindi indispensabile per garantire il corretto funzionamento della caldaia.

Esistono sistemi che, coadiuvati da una corretta manutenzione e conduzione della caldaia, possono preservare l’impianto e si possono individuare nei seguenti processi:

  • TRATTAMENTI ESTERNI (prevenzione dalle incrostazioni)
    1. Addolcimento
    2. Demineralizzazione
    3. Osmosi inversa

Il sistema più idoneo viene individuato tenendo conto del reintegro dell’acqua. Maggiore è la percentuale di acqua di reintegro, maggiore sarà la necessità di optare per la demineralizzazione rispetto all’addolcimento. Quest’ultimo processo, difatti, producendo carbonati e bicarbonati di sodio, causa, con le alte pressioni e temperature, la formazione di soda caustica, provocando così lo sfogliamento per corrosione di alcune zone particolari della caldaia (fragilità caustica).

L’addolcimento necessita quindi la predisposizione a maggiori spurghi determinati a loro volta da una soglia di alcalinità che varia al variare della pressione di esercizio.

  • TRATTAMENTI INTERNI (prevenzione dalle corrosioni)

Si tratta di dosare un condizionante specifico che può agire in due modi:

  1. modificando le caratteristiche dell’acqua (con prodotti deossigenanti) e, a seconda del tipo di vapore che si va a produrre (ad uso alimentare o meno), utilizzando prodotti a base di idrazina o solfiti;
  2. proteggendo le superfici metalliche con prodotti a base poliamminica (poliammide alifatiche filmanti), i quali hanno il vantaggio di proteggere anche il circuito di recupero delle condense, precludendone però l’impiego in impianti la cui acqua è destinata all’uso alimentare.

Nei trattamenti non è stata menzionata la filtrazione (ampliamente discussa nel nostro blog) a monte di tutto l’impianto; è un processo fondamentale per il  trattamento dell’acqua.

E’ importante ribadire anche l’importanza dello spurgo della caldaia, operazione fondamentale quanto l’impiego di un impianto di trattamento acqua adeguato.