Tel. (+39) 039 6080933 Email. info@aqasoft.it

Aqasoft per il trattamento dell’acqua dell’Università di Lodi

Aqasoft è stata coinvolta nel progetto relativo al trattamento dell’acqua presso l’Università di Lodi, l’articolato Polo Formativo lombardo il cui moderno e tecnologico campus è stato progettato, ristrutturato e ampliato in tempo recenti dal prestigioso studio Kengo Kuma and Architects. L’obiettivo degli ultimi interventi di rinnovamento e ampliamento degli spazi è stato valorizzare il paesaggio naturale che circonda l’ateneo, integrando la struttura al suo interno in modo armonico e sinergico.

Ventiseimila metri quadrati alle porte della città di Lodi che si declinano anche in un campus veterinario all’interno di un contesto agricolo caratterizzato da un complesso sistema di canali e rogge hanno reso il sito particolarmente sfidante e interessante, specialmente in considerazione dell’entità del nostro progetto.

All’Università di Lodi, Aqasoft ha fornito apparecchiature progettate per il trattamento a trecentosessanta gradi delle acque primarie. Ciò significa che il sistema installato si occupa di filtrare l’acqua di pozzo così come di addolcirla prima della sua distribuzione lungo l’intero circuito idrico-sanitario dell’ateneo.

E c’è di più: il complesso progetto preso in carico dai nostri specialisti per questo prestigioso Polo Formativo ha comportato anche il trattamento dell’acqua di alimentazione, l’installazione di torri evaporative e persino la disinfezione chimica preventiva dell’acqua calda sanitaria a prevenzione della contaminazione della rete idrica da Legionella pneumophila.

Siamo estremamente orgogliosi di aver contribuito, con le nostre soluzioni complete per il trattamento dell’acqua, alla salubrità e alla sostenibilità di una struttura educativa che ospita quotidianamente migliaia di studenti e centinaia di unità tra tecnici di laboratorio, personale amministrativo, tecnico e di servizi, docenti e dottorandi.

Ecco alcune immagini del nostro intervento presso il Polo Universitario lodigiano.

Share: Facebook, Twitter, Linkedin